Il rischio nucleare

documents

Quanto è alto il rischio di catastrofi nucleari?

Catastrofi come Chernobyl e Fukushima sono più probabili di quanto precedentemente ritenuto. Sulla base delle ore di funzionamento di tutti i reattori nucleari civili e il numero di catastrofi nucleari che si sono verificati, gli scienziati del Max Planck per la Chimica nel Mainz hanno calcolato che tali eventi possano verificarsi una volta ogni 10 o 20 anni (in base al numero attuale di reattori) - circa 200 volte più spesso di quanto stimato in passato

La mappa mostra la probabilità annua in percentuale di contaminazione radioattiva da più di 40 kilobecquerel per metro quadrato.
In Europa occidentale il rischio è di circa due per cento all’anno.
[Fonte: Daniel Kunkel, MPI per la Chimica, 2011] 

Propagazione ad oltre 1.000 Km


I ricercatori hanno anche stabilito che, in caso di un incidente rilevante, la metà del cesio radioattivo-137 si svilupperebbe su una superficie di oltre 1.000 chilometri di distanza dal reattore nucleare. I loro risultati mostrano che l’Europa occidentale rischia di essere contaminata circa una volta in 50 anni di oltre il 40 kilobecquerel di cesio-137 per metro quadrato. Secondo l’Agenzia internazionale per l’energia atomica, un area è definita come contaminata da radiazioni a partire da questo valore. In considerazione delle loro scoperte, i ricercatori chiedono una approfondita analisi e rivalutazione dei rischi connessi con le centrali nucleari.

Dopo Fukushima


L’incidente nel reattore di Fukushima ha alimentato il dibattito sull’energia nucleare e innescato l’uscita della Germania dal loro programma nucleare. Sembra che il rischio globale di una tale catastrofe sia più alto di quanto si pensasse, a seguito di uno studio condotto da un team di ricerca guidato da Jos Lelieveld, direttore del Max Planck per la Chimica a Magonza: “Dopo Fukushima, la prospettiva che un tale evento si verifichi di nuovo pone la questione se possiamo effettivamente calcolare il fall-out radioattivo utilizzando i nostri modelli atmosferici “.

Rivalutazione della percentuale di tracollo nucleare


Secondo i risultati dello studio, un tracollo nucleare in uno dei reattori in funzione nel mondo è probabile che si verifichi una volta in 10 a 20 anni. Attualmente, ci sono 440 reattori nucleari in funzione e altri 60 sono previsti. Per determinare la probabilità di una catastrofe nucleare, i ricercatori hanno applicato un semplice calcolo. Si sono divisi le ore di funzionamento di tutti i reattori nucleari civili nel mondo, dalla messa in servizio del primo fino ad oggi, per il numero di incidenti nei reattori che si sono effettivamente verificati. Il numero totale di ore di lavoro sono 14.500 anni, il numero degli incidenti del reattore arriva a quattro - uno in Chernobyl e tre a Fukushima.



Questo si traduce in un incidente grave, in fase di definizione secondo la scala internazionale degli eventi nucleari (INES), ogni 3.625 anni. Anche se questo risultato viene prudenzialmente arrotondato a un grave incidente ogni 5.000 anni di funzionamento, il rischio è 200 volte superiore alla stima per le catastrofi non confinate, e incidenti principali formulate dalla Commissione di regolamentazione nucleare degli Stati Uniti nel 1990. I ricercatori Mainz non ha distinto le età e tipi di reattori, o se si trovano in regioni di rischio avanzate, per esempio da terremoti. Dopo tutto, nessuno aveva previsto la catastrofe del reattore in Giappone.

Distribuzione delle particelle radioattive

Successivamente, i ricercatori hanno determinato la distribuzione geografica dei gas radioattivi e particelle intorno a un luogo dell’incidente possibile utilizzando un modello al computer che descrive l’atmosfera terrestre. Il modello calcola le condizioni meteorologiche e i flussi, ma anche calcoli per reazioni chimiche in atmosfera. Il modello può calcolare la distribuzione globale di gas in traccia, per esempio, e può anche simulare la diffusione di gas radioattivi e particelle. Per approssimare la contaminazione radioattiva , i ricercatori hanno calcolato come le particelle di cesio radioattivo-137 (137Cs) disperse nell’atmosfera, dove si depositano sulla superficie della terra e in quali quantità. L’isotopo 137Cs è un prodotto della fissione nucleare dell’uranio. Ha un tempo di dimezzamento di 30 anni ed è stato uno degli elementi chiave della contaminazione radioattiva dopo le catastrofi di Chernobyl e di Fukushima.

Le centrali vicine all'Italia

Le simulazioni al computer hanno rivelato che, in media, solo l’otto per cento delle particelle 137Cs sono depositate all’interno di un’area di 50 chilometri attorno al luogo dell’incidente nucleare. Circa il 50 per cento delle particelle sarebbe depositata fuori da un raggio di 1.000 chilometri, e circa il 25 per cento si sarebbe diffuso anche oltre 2.000 chilometri.

Questi risultati sottolineano che gli incidenti del reattore possono causare la contaminazione radioattiva ben oltre i confini nazionali. I risultati dei calcoli di dispersione sono stati combinati con la probabilità di una fusione nucleare e la densità reale di reattori in tutto il mondo per calcolare il rischio di contaminazione radioattiva corrente. Secondo l’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA), un’area con più di 40 kilobecquerel di radioattività per metro quadrato è definito come contaminato.